_e in copertina:

AA. VV.
Invito per un dono [2020]
82 opere donate a luogo_e da artisti amici, tecniche miste e supporti vari, 15 x 10 cm o 10 x 15 cm
courtesy gli artisti e luogo_e

Hanno partecipato al progetto (dall’alto):
Fila 1: Gaia Boni, SUBV, Giovanni Oberti, Valeria Olivo, Elena Radice, Angela Cominelli, Nicolò Masiero Sgrinzatto, Laura Baffi, Alfredo Colombo, Domenico Pievani, Chiara Fusar Bassini, Martina Dierico, Lidia Patelli, Samanta Cinquini+Micaela Leonardi+Giulia Cosio, Giovanni De Francesco, Nicola Marenzi, Edoardo Manzoni, Luca Loreti, Olmo Erba, Luciano Passoni.
Fila 2: Barbara Boiocchi, Raffaele Morabito, Elio Grazioli, Ludovico Colombo, Michele Savino, Giulio Locatelli, Italo Chiodi, Giorgio Cornolti, Federica Mutti, Clara Scola, Anna Aiolfi, Floriana Giacinti, Martina Brembati, Olivier Russo, Franco Bianchetti, Cinzia Benigni, Giovanna Piccinini, Marco Grimaldi, Mattia Ferretti, Anna Pezzoli, Carlo Rocca, Ilaria Sponda.
Fila 3Eugenio Kim, Enrico Cattaneo, Alice Lamperti + Ismael Lo, Nicole Colombo, Camilla Marinoni, Pietro Belotti, Alessandro Verdi, Nadia Bratelli, Francesca Santambrogio, Oscar Giaconia, Paola Capetti, Anna Pulcini, Mario Consoli, Gabriel Stöckli, Matteo Montagna, Sara Ravelli, Angelo Iodice, Annarosa Valsecchi, Eleonora Roaro.
Fila 4Alfa Pietta, Giusy La Licata, Simona Barzaghi, Simon Pellegrini, Manuela Piccolo, Camilla Giachetta, Patrizia Riviera, Giovanni De Lazzari, Marta Galmozzi, Nicola Agazzi, Giulia Dal Monte, Francesco Parimbelli, Mattia Barbieri, Greta Mauri, Claudia Ponzi, Maura Cantamessa, Clara Luiselli, Simone Mizzotti, Daniela Tasca, Gabriele Longega, Lorenzo Lunghi.

 

••••••••••••••••••••••••••••••••••••••••••••••••••••

 

Il Dono esprime, dice ancora più di dare
Il Dono supera la nozione di valore nel gesto

È vero, il più bel mazzo di fiori dipinto non riuscirà mai a diffonderne il profumo.
La pittura porta alla conoscenza l’esperienza della cosa, non la cosa stessa. È della cosa ciò di cui abbiamo esperienza, ciò che abbiamo provato e che lo sguardo porta alla superficie degli stadi emozionali. Così una mostra sul dono per luogo_e è stata una sfida a rendere questo tema non solo come una presenza simbolica, si è tentato di rendere il dono il più vicino possibile alla sua concreta realtà, alla sua materializzazione.
OK, il dono, al di là della cosa concreta, è fatto di mille altre cose impalpabili: ricordi, emozioni, attese, speranze, sorprese, sorrisi, baci e altre (anche lacrime). Cose presenti e sottese, che sono poi quelle che fanno di un “regalo” un “dono”. 

Festina stonata è la mostra sul dono che luogo_e dona a chi si accorgerà di lei. Festina stonata è composta da opere sul tema del dono, ma anche da veri e propri doni: le opere donate dagli artisti amici, e che luogo_e donerà per sorteggio a chi visiterà la mostra.
Festina stonata non è una mostra sullo scambio, è una mostra sul dono, in cui lo scambio è la  materializzazione del percorso del dono dal donante al donato; non è, questo scambio, una transazione di valore. L’unica transazione ammessa nel dono è quella affettiva, il rimpallo e l’eco dei sentimenti. Festina stonata si oppone nettamente all’idea di dono come gadget, lo intende sganciato dal concetto di valore materiale. Il valore del dono è inestimabile, non quantificabile, è polifonico nel donante e nel ricevente. Il suo valore massimo è di essere gratuito.

Ognuno di noi è depositario di doni, conquistati e coltivati; il dono dell’artista è di creare opere, il dono dell’opera è di suscitare sensazioni, il dono delle sensazioni è quello di modellare i caratteri e le esistenze; i caratteri e le esistenze possono trovare modi di donare. Un essere che non si realizzi anche nel donare, per noi, rimane sterile per sé e per gli altri.

L’immagine che accompagna questo scritto è, per noi, la materializzazione di quanto detto, mostra le opere che 82 artisti amici hanno donato a luogo_e. Luogo_e le donerà a sua volta a 82 visitatori.
Invito per un dono diventa, quindi, quasi un’opera collettiva, anzi di più, un’opera comunitaria.
Ne risulta un’opera polifonica, fatta di armonie e dissonanze, capace di una sua musicalità.
Per ultimo, ma non ultimo, un grande Grazie da luogo_e a tutti gli amici che hanno riconosciuto e fatto proprio, il senso di questo pensiero.

[Le ottantadue opere saranno donate ai visitatori, tramite sorteggio, giovedì 24 giugno alle ore 18.30, attraverso un accadimento online] 

 

Bergamo, maggio 2021

 

Testo di:
Luciano Passoni
Di formazione artistica, ex insegnante, ex libraio.
Oggi attivo in luogo_e.


–>  _e altre copertine